unisa ITA  unisa ENG


Progetti in itinere

O.A.M.loghi 200x133

contatti

Consorzio Osservatorio dell'Appennino Meridionale

Università degli Studi di Salerno

Via dell'Osservatorio, 1

84084 Fisciano (SA)

tel: 089964449

fax: 089968729

e-mail: segreteria.appennino@unisa.it

Codice fiscale e Partita IVA 03607980657

Gli uffici sono aperti dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 13:00.

Alle radici del vino: I Crus dell'Appennino campano - Parte II

  • PARTNERS
Accordo Quadro CIPE
Regione Campania – Presidenza Giunta Regionale, Assessorato Agricoltura - Se.S.I.R.C.A
  • OBIETTIVI 
Individuazione di una serie di azioni, in vigna come in cantina, con l’obiettivo di esaltare le produzioni vitivinicole dell’Appennino campano e il valore del loro legame con il territorio, attraverso l’applicazione di processi di garanzia al consumatore costruiti su una serie di parametri e procedure di controllo innovative, quanto attendibili. Messa a punto di una metodologia a griglie serrate, che attraverso controlli incrociati di esperti enologi impegnati in degustazioni sensoriali, mirate a selezionare solo vini catalogabili “ottimo”, e rigorose analisi oggettive di laboratorio condotte dal PRODAL dell’Università di Salerno, consenta di censire e qualificare un nuovo cluster di vini: i Crus dell’Appennino campano.

Riepilogo finale 2° step Crus 2009 - 2010  Province di Benevento e Caserta
 Aziende individuate (iscritte alla CCIAA, che da una prima analisi potrebbero avere i requisiti richiesti dal progetto) n°114: (di cui 27 intervistate durante il Vinitaly ‘09) 76 nella provincia di Benevento e le restanti 38 nella Provincia di Caserta.
 Aziende che hanno aderito al progetto e quindi preselezionate per i sopralluoghi e il relativo monitoraggio n°36 di cui 20 nel Beneventano e 16 nel Casertano (motivazioni delle mancate adesioni: mancanza dei prerequisiti del progetto e/o  pur in possesso dei requisiti non interessate).
 Aziende risultate idonee dai sopralluoghi effettuati e dalla documentazione acquisita n° 29 di cui 15 per la provincia di Benevento e 14 per la provincia di Caserta.
 Nell’esame degustativo sono stati esaminati i 29 tipi di vino con 2 cicli di degustazioni ad incrocio da 2 commissioni per circa 300 assaggi, dei quali 24 ripetuti, dai 10 enologi esaminatori. Al termine delle degustazioni risultano selezionati il 73% dei campioni presentati.
Nelle analisi del Prodal sono stati compiuti accertamenti di laboratorio su: qualità commerciale, valore nutrizionale, valutazione proprietà organolettiche e gratificanti (naso elettronico), analisi dei componenti aromatici.
 
  • STATO DEL PROGETTO

I vini individuati come eccellenti dalle prove sensoriali si rivelano di ottima qualità anche dal punto di vista analitico; in particolare oltre a rispettare gli standard merceologici, presentano:
·      elevata sicurezza alimentare per l’assenza di concentrazioni significative di indicatori di inquinamento ambientale come i metalli pesanti,
·      proprietà nutrizionali di grande interesse, specie i vini rossi, per l’alto contenuto di polifenoli totali e antociani, ritenuti oggi composti ad alto potere antiossidante in grado di migliorare la prevenzione delle affezioni cardiocircolatorie,
·      eccellente intensità di colore, ben correlata al contenuto di antociani e, quindi rappresentativa degli stessi effetti salutistici potenziali oltre che di un elevato tasso di gratificazione,
·      caratteristiche aromatiche ben rilevabili anche attraverso l’olfattometria di laboratorio.

Ciò consente una buona difesa potenziale dei vini locali anche attraverso rivendicazioni di tipo tecnico-analatico.

Le aziende proclamate CRUS nelle province di Benevento e Caserta dopo gli esiti delle degustazioni curate dall’Assoenologi Campano e dai risultati delle analisi fisico-chimiche effettuate dal Prodal sono n° 21: 11 sul territorio Beneventano e 10 sul territorio Casertano.

  • DOCUMENTAZIONE
Testo: In elaborazione